Roma – Frascati. Gli osteopati chiedono al governo di rispettare gli impegni assunti

A conclusione del convegno nazionale degli Osteopati dell’Associazione Nazionale Professionisti Osteopati (A.N.P.O.) sul tema “Nuove frontiere della medicina dopo la Legge Lorenzin”, tenuto nei giorni 6, 7 ed 8 ottobre 2018 presso Villa Tuscolana – Park Hotel a Frascati (RM), i diretti interessati hanno chiesto con convinzione al Governo di rispettare gli impegni e in particolar modo i decreti attuativi del ddl sulle professioni non ordinistiche.

Oltre ai professionisti osteopati e agli addetti del settore, all’affollata assise hanno partecipato anche il sottosegretario Claudio Durigon (che ha dato lettura di un documento in cui si assicura l’interesse del governo a prendere a cuore il problema), il Senatore Bruno Astorre, l’On Maria Spena, il senatore Emanuele Dessi, sindaci del territorio, esperti, studiosi responsabili dell’Asl, della Regione e del Ministero.

Il Presidente Nazionale dell’A.N.P.O. prof. Dr. Giuseppe Forestieri, D.O., ha introdotto il tema del convegno, ricordando i faticosi passi in avanti fatti nel corso degli anni dagli osteopati, i quali hanno dovuto attraversare non pochi ostacoli, fino a quando la legge 4/2013 e per ultimo la legge 3/2018, non hanno finalmente avviato un percorso di regolamentazione.

Significativo è stato l’intervento dell’on. Maria Spena, la quale ha incoraggiato il lavoro dell’A.N.P.O. nel suo lavoro di tutela dei consumatori/pazienti, facendosi da portavoce in Parlamento al fine stimolare l’emanazione dei decreti attuativi della L. 3/2018.

Di fondamentale importanza è stato l’intervento dell’avvocato Claudio Senatra, che ha letto e commentato la lettera dell’on. Claudio Durigon, Sottogretario di Stato al lavoro e alle politiche sociali, il quale ha portato al convegno una posizione chiara di incoraggiamento all’A.N.P.O. per il lavoro che sta svolgendo per quanto riguarda l’attenta valutazione dei percorsi formativi degli osteopati, in linea con le direttive dell’OMS, nonché sulla necessità da parte del professionista di iscriversi ad un’associazione professionale che fornisca garanzia e tutela per coloro che intendono sottoporsi alle cure osteopatiche.

Il Segretario e Tesoriere Nazionale Paolo Cola D.O., si è soffermato sul ruolo dell’associazione nella legge 4/2013, evidenziandone i due fondamentali obiettivi e relative azioni per raggiungerli, ossia quello di rilasciare – ai sensi dell’art. 7 della L.4/13 – un’attestazione di qualificazione professionale annuale, e quello di rappresentare, tutelare e valorizzare l’attività autonoma professionale rientrante tra quelle “non regolamentate”, quale funzione di rappresentanza sindacale e di categoria.

L’avvocato Antonino Arizia, legale dell’A.N.P.O., si è soffermato invece sull’attuale validità della legge 4/2013 e su cosa dovrà seguire dopo la legge 3/2018.

A tal proposito, richiamando quanto già accaduto con i chiropratici nel 2007, se non si avvierà immediatamente l’iter per i decreti attuativi, si rischia di vanificare il lavoro che il Parlamento ha fatto con il riordino delle professioni sanitarie.

L’avvocato si è soffermato sul caos che regna su internet per ciò che riguarda fantomatici riconoscimenti dei titoli per mezzo di norme tecniche, che talune organizzazioni e società millantano tra gli osteopati: ad oggi non esiste infatti la professione sanitaria di osteopata perché non esiste ancora un percorso studi universitario di osteopatia.

Esistono invece le associazioni professionali che rilasciano l’attestazione di qualificazione professionale a tutela del consumatore.

Per ciò che riguarda la formazione osteopatica, significativo è stato il contributo del prof. Francesco Manti, Presidente dell’Accademia di Medicina Osteopatica “Alessandro IV”, in qualità anche di struttura tecnico-scientifica dell’A.N.P.O. per la formazione permanente, il quale ha rimarcato il ruolo dell’accademia in un quindicennio di formazione, in linea con le direttive dell’OMS sull’osteopatia, seguendo con determinazione un preciso e serio approccio di insegnamento di tipo universitario.

Il presidente ha anche denunciato tutto ciò che nel mondo della formazione osteopatica è opaco, mettendo a disposizione l’accademia come consulente tecnico per i tavoli che dovranno preparare i decreti attuativi alla L. 3/2018.

Per ciò che riguarda l’editoria osteopatica, il dr Brunetto Fantauzzi, che ha curato sapientemente e con grande dedizione la parte giornalistica dell’evento, ha ricostruito le tappe che hanno portato alla preparazione e divulgazione del convegno, ringraziando tutte le autorità presenti e illustrando il nuovo giornale “L’Osteopata”, che si occuperà di approfondire tutte le tematiche della categoria.

A seguire, il senatore Bruno Astorre ha voluto dare la propria testimonianza di paziente, affermando i benefici della medicina osteopatica su sé stesso, e incoraggiando l’associazione a continuare su questo percorso con tenacia e determinazione.

Per ciò che riguarda il pilastro fondamentale dell’associazione, ossia quello dell’accertamento dei requisiti formativi, il Presidente della Commissione Didattico-Scientifica prof. dott. Don Gaetano Maria Saccà, D.O, si è soffermato sul ruolo che lo statuto dell’associazione gli conferisce nel vagliare attentamente il percorso formativo degli aspiranti candidati iscritti dell’A.N.P.O., e sulla formazione permanente dei soci, ribadendo il proprio impegno nel perseguire gli obiettivi dell’associazione in tal senso.

Per concludere, il Presidente Forestieri, ringraziando tutti i presenti, soprattutto i giovani studenti di osteopatia, ha dato lettura di un ordine del giorno che chiede al governo l’avvio dell’iter previsto dalla legge 3/2018 in materia di decreti attuativi, rivendicando il ruolo determinante che le associazioni professionali come l’A.N.P.O. e le rispettive strutture tecnico-scientifiche, dovranno avere sui tavoli tecnici, proponendo una concertazione chiara, trasparente e fattiva per il bene degli osteopati e dei cittadini/pazienti.

Nella foto, da sinistra: Pino Forestieri, Lorena Fantauzzi ufficio stampa , dott. H.c. Brunetto Fantauzzi direttore della rivista “Osteopata”.

(Lorena Fantauzzi -Comunicato Stampa – Elaborato – Archiviato in #TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

 

Benvenuto su TeleradioNews ♥ Mai spam o pubblicità molesta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.