Caiazzo. Comune: guerra ai fitofarmaci per un’agricoltura ‘bio compatibile’

Provvedimento a firma del sindaco Stefano Giaquinto; sanzione amministrativa in caso di violazione e mancato rispetto.

Firmata a Caiazzo l’ordinanza per limitare l’uso dei fitofarmaci: la violazione e il mancato rispetto di quanto prescritto comporta una sanzione amministrativa pecuniaria di 500 euro. Il provvedimento n. 39 del 17 luglio 2018 del sindaco Stefano Giaquinto impone ai caiatini che fanno uso di agrofarmaci e fitofarmaci di attenersi a norme riguardanti la detenzione, l’igiene e l’utilizzo di questi diserbanti chimici intesi “come qualsiasi sostanza chimica di sintesi impiegata in agricoltura per il controllo di malerbe o piante infestanti oltre quelle impiegate per proteggere le culture dalle avversità biotiche e abiotiche”.

E’ inoltre vietato “disperdere nell’ambiente e nelle fognature le acque di eliminazione residue contaminate ed i contenitori dei singoli prodotti diserbanti che dovranno essere smaltiti in conformità da quanto previsto dal decreto legislativo 152/2006; di preparare le miscele per i trattamenti in corrispondenza di punti di approvigionamento di acqua o in prossimità di strade”.

E’ fatto obbligo nell’impiego dei diserbanti, “di osservare le modalità riportate nelle etichette delle confezioni e/o schede di sicurezza informative di vari prodotti ed eseguite da operatori abilitati; apporre dei cartelli visibili “terremo trattato con diserbanti” almeno 48 ore prima del trattamento e controllare le apparecchiature per la distribuzione che siano idonee e oggetto di manutenzione ordinaria, salvo casi di trattamenti con prodotti utilizzabili in agricoltura biologica”.

L’ordinanza, consultabile integralmente sul sito istituzionale del Comune di Caiazzo, specifica anche i prodotti non autorizzati, “fatti salvi gli interventi eseguiti dall’autorità sanitaria finalizzati alla tutela della salute pubblica quali quelli di disinfestazione, derattizzazione e simili”.

Intervento indispensabile per buoni e sani raccolti, che vanno svolti nel rispetto della salute pubblica e della salvaguardia ambientale – commenta il primo cittadino Giaquinto sostenuto dall’assessore all’Agricoltura Teresa Fasulo – Un provvedimento per rafforza le buone pratiche e l’utilizzo corretto e sostenibile dei fitosanitari in particolare a ridosso di centri abitati. Stop dunque ad un uso indiscriminato e frequente di prodotti non consentiti”.

Le violazioni e il mancato rispetto di quanto previsto nella ordinanza comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria di 500 euro senza pregiudizio dell’eventuale azione penale. Inoltre le eventuali spese necessarie per analisi di laboratorio per l’accertamento della violazione saranno poste a carico del trasgressore secondo le vigenti normative.

L’esecuzione della corretta attuazione del dispositivo è affidata alla Polizia Locale e a tutti gli agenti e gli ufficiali di P.G. e alle competenti strutture del Servizio Sanitario Nazionale.

(Comunicato Stampa – Elaborato – Archiviato in #TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

 

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati