Caiazzo. Elezioni locali. ‘Bene Comune’, Piazze ex Verdi: comizio poco incisivo e ‘tardivo’ senza uno straccio di scuse

Tutta in salita appare, purtroppo, la strada per la lista capeggiata dall’ufficiale della Benemerita (in aspettativa) Michele Ruggeri, se è sempre vero che “alla metà dell’opera” sta sempre chi comincia bene.

Riconoscimento, questo, francamente improponibile per il comizio d’esordio tenuto sabato sera nel centro antico dal gruppo “Bene Comune”, peraltro in una piazza particolarmente affollata, senza che, per cominciare, nessuno si sia premurato di presentare uno straccio di scuse ai tantissima astanti costretti ad attendere oltre mezz’ora senza conoscere neanche i motivi di tanto ritardo per la rottura dello scilingugnolo.

Pur volendo porre un pietoso velo sulla presentazione dei candidati, affidata a un terzo che -sebbene marito, stimatissimo, di una candidata- almeno avrebbe dovuto auto presentarsi prima di introdurre i vari aspiranti, alcuni dei quali poi hanno sviscerato intenti anche lodevoli mentre altri hanno preferito snocciolare un rosario già trito e per loro infausto in precedenti conultazioni: quello degli attacchi personali, a testa bassa, manco a dirlo a Giaquinto che -scomettiamo?- non aspettava altro per rendere pan per focaccia a sì inveleniti antagonisti.

Nessun accenno al programma neanche da parte del leader Michele Ruggieri, al quale non è dato sapere quanto siano state gradite le allusioni di altri oratori ai suoi presunti approcci amorosi con la futura (ed attuale) consorte, vivaddio, nei meandri di Marcianofreddo, frazione (in parte anche) caiatina che gli ingenui antagonisti gli avrebbero contestato di non conoscere!

Bando alle ciance, invero, molto apprezzabili invece sono state le dissertazioni ideologiche dell’aspirante sindaco Michele Ruggieri che, con occhio clinico di militare integerrimo, ha dimostrato di conoscere benissimo i sistemi malavitosi che ingenerano corruzione e malaffare nei pubblici enti, che ovviamente con lui toverebbero interclusa ogni strada, senza però alcun accenno al programma né tampoco al dubbio, malizioso ma verosimilie, di cui da tempo si vocifera, circa le sue intenzioni nel caso inopinato di sconfitta elettorale: resterà in aspettativa per tutta la legislatura, arginando con la sua autorevolezza ogni ipotizzato tentativo di ingerenza malavitosa o giocoforza riprenderà la carriera che, come pur accennato negli interventi della serata, vede la sua strada spianata verso i più elevati gradini della scala gerarchica militare?

Evenienza forse non del tutto peregrina se, come si vocifera, la “gerarchia” dei suoi candidati non è stata “affidata all’alfabeto” espressamente per prestabilire chi, sempre se eletto, dovrà essere il suo alter ego.

Auspicabile quindi che nei prossimi comizi venga fatta pubblicamente chiarezza anche su altri aspetti cruciali, di cui pure si inciucia nel capannelli, segnatamente se sono già previste deleghe esterne per qualche sostenitore non candidato?

Cliccare sulla foto per (ri)ascoltare i vari interventi

(Comunicato Stampa – Elaborato – Archiviato in #TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

 

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati