Stati Uniti. Pornodiva morta a 20 anni, è il terzo caso in un mese: scatta la psicosi fra le ‘addette ai lavori’

Negli ultimi mesi,una sorta di maledizione sembra essersi abbattuta nel mondo del porno americano. Olivia Nova, giovanissima star dei film hard, è stata trovata morta a soli 20 anni nella sua casa di Las Vegas.

Letale, secondo le prime ricostruzioni, una miscela di sonniferi.

Non è ancora chiaro, però, se si sia trattato di un gesto volontario o meno: a svelarlo saranno i risultati dell’autopsia che, tuttavia, non arriveranno prima di 7-8 settimane.

OLIVIA NOVA, LE SUE COLLEGHE RECENTEMENTE SCOMPARSE

Intanto, il mondo del cinema hard è di nuovo in lutto, dopo la morte – nel solo mese di dicembre – della 23enne August Ames e della 31enne Yuri Lav.

La prima si è con ogni probabilità tolta la vita dopo essere stata accusata di omofobia: la Ames, infatti, si era rifiutata di girare una scena hard con un attore che, in passato, aveva partecipato a film porno gay.

La stessa Ames aveva spiegato sui social network che la sua era una scelta dettata da motivi di sicurezza per la propria salute.

Secondo le ricostruzioni dei fatti, proprio le continue accuse rivolte alla donna per questa sua decisione – insieme alla depressione che l’aveva colpita da qualche tempo – sarebbero state all’origine della sua scelta estrema.

OLIVIA NOVA, LA SOLITUDINE NEL GIORNO DI NATALE

Yuri Lav, invece, è stata trovata morta lo scorso 13 dicembre a causa di una overdose di farmaci.

Insomma, un mondo difficile dove gli equilibri delle protagoniste sembrano essere piuttosto fragili.

La stessa Olivia Nova, ultima in ordine di tempo a essere trovata morta, aveva scritto sul suo profilo Twitter (che gestiva direttamente) di sentirsi molto sola e di avere bisogno di presenze amiche che potessero risollevarle il morale.

(Fonte & Aggiornamenti: http://www.giornalettismo.com/archives/2645682/olivia-nova-morta-attrice – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web© Diritti riservati all’autore)

Benvenuto su TeleradioNews ♥ Mai spam o pubblicità molesta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.