Caiazzo. Il Pre-Umanesimo di Petrarca ‘spulciato’ dalla dottoressa Montanari al centro ‘de Simone’

Un evento di rimarchevole spessore storico è in programma alle ore 16,30 di giovedì 30 

novembre presso il centro di promozione culturale “Franco de Simone“.

 

Nell’occasione, infatti, presso la sede sociale, ubicata in fondo all’omonimo vicoletto del centro storico caiatino, la professoressa Renata Montanari de Simone (nella foto qui accanto) terrà una conferenza sul “Pre-Umanesimo di Francesco Petrarca“.

 

Inaugurazione di notevole spessore per l’anno accademico 2017/2018 del benemerito centro, non solo per la rilevanza del tema, ma anche per il prestigio della relatrice che, oltre a essere consorte del fondatore e promotore del benemerito centro, risulta essere strettamente imparentata col mitico pilota dell’Aviazione Italiana Francesco Baracca (1888-1918), medaglia d’oro al valor militare nella prima guerra mondiale, durante la quale gli vennero attribuite ben trentaquattro vittorie aeree prima che il suo mitico “Spad” cadesse in località Busa delle Rane, un posto impervio e dalla vegetazione fittissima, non è mai stato chiarito se perché abbattuto o precipitato, mentre sorvolava il Piave (all’epoca chiamato “La Piave”, come altri corsi d’acqua, ma la storia toponima fluviale cambiò con la famosa canzone del Piave), durante la cruciale battaglia detta del Solstizio, il 19 giugno 1918.

Baracca è passato alla storia quale pilota antesignano dell’Aviazione Italiana, istituzione che ancora non esisteva quando il Maggiore della nostra epica Cavalleria sorvolava con destrezza i cieli col suo “Pegaso”, forse più noto con l’appellativo di “Cavallino Rampante” che campeggiava sulla fiancata del famosissimo volatile (nella foto qui accanto).

 

 

 

 

Come si evince dal sito web del Museo dedicato all’eroe, Francesco Baracca nasce il 9 maggio 1888 da Paolina Biancoli e da Enrico.

 

Da giovane segue dapprima la scuola dei Padri Salesiani di Lugo, poi gli studi presso gli Scolopi della Badia Fiesolana, per terminarli al Liceo “Dante” di Firenze. Dopo la maturità si iscrive alla Scuola Militare di Modena, dove rimane per un paio di anni.

 

Nel 1909 frequenta la Scuola di Cavalleria a Pinerolo, dove viene promosso al grado di sottotenente nel luglio 1910 e assegnato al 1° Squadrone del Reggimento “Piemonte Reale” di stanza a Roma.

 

Nel 1912 segue i corsi di pilotaggio civile a Reims, dove consegue il brevetto di pilota, attività verso cui avverte una naturale propensione ed un grande entusiasmo, testimoniati dalla lettera al padre del 5 maggio 1912 nella quale afferma: “[…] ora mi accorgo di avere avuto un’idea meravigliosa, perché l’aviazione ha progredito immensamente ed avrà un avvenire strepitoso”…

 

Orbene, la madre di Baracca era cugina in primo grado di Teresa Biancoli, bisnonna paterna della professoressa Montanari che, dunque, era zia dell’eroe.

 

Circostanze egregiamente trattate anche da Franco Falco di Bellona in un libro basato su sue approfondite ricerche su alcuni degli italiani più illustri del ‘900.

 

 

Tornando all’evento in programma giovedì, ricordiamo che agli studenti che presenzieranno sarà rilasciato un Attestato di partecipazione valido anche ai fini del credito formativo.

 

Cliccare sulle foto per accedere ad alcuni approfondimenti sulla storia del pioniere dell’Aviazione Italiana

(News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web© Diritti riservati all’autore)

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: