Caiazzo. Comune, finisce sui manifesti la minoranza che ha disertato il Consiglio: ‘evento del secolo’!?!

Molti caiatini si domandano che senso possa avere e soprattutto a chi abbia potuto giovarela pubblicazione del manifesto con il quale, volendo evidentemente sottendere chissà che, si vorrebbe far passare come evento storico o forse del secolo la circostanza che la minoranza avvia disertato (per protesta) il Consiglio comunale tenuto mercoledì 5 luglio al solo ed espresso fine di approvare un regolamento finalizzato alla possibilità di concedere agli imprenditori interessati

(nel periodo di ferie?!?) i soli sei lotti in cui è stata ridotta l’area PIP (degli insediamenti produttivi) che ne prevedeva una decina allorché, circa trent’anni addietro, cioè quando certo la carenza di lavoro non era pressante come oggi, fu ideata e avviata, peraltro fra mille contestazioni, dal compianto sindaco Cervo. 

Senza però alcun cenno, nel murale, alle motivazioni addotte dalla minoranza e peraltro lette dalla presidente in un’aula praticamente deserta, chissà se per mancata pubblicità e pessima acustica più che per sfiducia nell’attuale classe politica.

A tali popolari considerazioni ci permettiamo di aggiungerne qualcuna poiché

il murale risulta commissionato e quindi scritto (e pagato?!) dalla “città” cioè non dal solo gruppo di maggioranza, ma anche pensando di poter interpretare le inerenti considerazioni della stessa minoranza e perfino di tutti noialtri?

Siamo proprio sicuri che, come, nelle svariate versioni, allude l’adagio napoletano, “a pazziella” non sia finita “mmano a ‘e criature” (oppure a cart’ ‘e musica mmano a ‘e scarpare o ancora a lanterna mmano a ‘e cecate)?!?

(News elaborata – Archiviato in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)