Politica, camorra e appalti truccati in Campania: circa 70 arresti ‘eccellenti’… e non finisce qui!

Circa settanta “nomi ecellenti” di amministratori locali, regionali ed altri politici, funzionari, docenti universitari, ingegneri, commercialisti e altri professionisti sono finiti nei guai nell’ambito di un’inchiesta sul “clan Zagaria”, rientrante nel contesto di una più estesa operazione anti camorra attuata dal nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Napoli che ha portato all’arresto di 69 persone, alcune delle quali hanno potuto beneficiare degli arresti domiciliari.

Tra i destinatari delle ordinanze di custodia cautelare, infatti, ci sono politici, imprenditori, amministratori locali, funzionari pubblici, professori universitari, commercialisti e ingegneri, tutti accusati, a vario titolo, per reati che vanno dalla corruzione alla turbativa d’asta, fino al concorso esterno in associazione mafiosa.

Tra gli arrestati risultano esserci anche l’attuale consigliere regionale della Campania Pasquale Sommese, appartenente a Ncd ed ex assessore al Turismo, e il sindaco di Aversa Enrico de Cristofaro, quest’ultimo indagato in qualità di ex presidente dell’Ordine degli Architetti di Caserta.

In particolare Sommese è accusato dagli inquirenti di essere il responsabile dell’erogazione illecita di fondi regionali, in cambio di somme di denaro o di sostegno elettorale.

Inoltre, in alcune circostanze avrebbe indicato espressamente il nome dell’imprenditore che doveva eseguire i lavori, attivandosi poi per l’elargizione dei finanziamenti.

L’indagine, condotta da un pool di cinque pm della Direzione Distrettuale Antimafia e coordinata dal procuratore aggiunto Borrelli, ha portato inoltre all’arresto dell’imprenditore Alessandro Zagaria, ritenuto appartenente all’omonimo clan, a sua volta legato ai Casalesi, e di Raffaele De Rosa, fratello dell’attuale sindaco di Casapesenna, in provincia di Caserta.

L’operazione è stata denominata “The Queen” perché ruota intorno alla figura di un altro ingegnere, Guglielmo La Regina, e in particolare su diciotto appalti concessi tra il 2013 e il 2016 da vari comuni del casertano, al fine di agevolare le solite poche ditte, alcune legate proprio al clan Zagaria.

Secondo l’accusa nelle commissioni di gara sarebbero state inserite persone vicine proprio a La Regina, che si impegnavano poi a deviare gli appalti alle ditte prestabilite.

Tra gli appalti sotto inchiesta anche alcuni lavori alla Mostra d’Oltremare di Napoli, opere per l’Azienda regionale diritto allo studio, per la seconda università di Napoli, per un impianto di cremazione al cimitero di Pompei e per il nuovo museo archeologico di Alife in provincia di Caserta.

L’inchiesta è la conseguenza di un’operazione, già conclusa nel 2016, che portò in carcere Biagio di Muro, ex sindaco di Santa Maria Capua Vetere, tanto che anche allora furono arrestati proprio l’ingegnere La Regina e l’imprenditore Zagaria.

(Salvatore Tropea – Fonte & Aggiornamenti: http://www.lumsanews.it/camorra-69-arresti-appalti-truccati-corruzione-anche-politici-imprenditori/ News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web© Diritti riservati all’autore)

Benvenuto su TeleradioNews ♥ Mai spam o pubblicità molesta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Call Now Button
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: