Piana M.Verna e Caiazzo. Residenti ‘assediati’ da malviventi spregiudicati, ma da chi edotti?

carabiniere-piede-di-porco-12-466x300Hanno dimostrato coi fatti non solo la loro impudenza ma anche di conoscere perfettamente le abitudini dei residenti

i malviventi, si presume stranieri, benvenuti e comodamente ospitati, spesso in lussuose strutture, a spese della società, nel “Paese di Pulcinella”, che nella notte fra sabato e domenica hanno messo a segno almeno due raid, quanti cioè ne sono stati prontamente denunciati alla locale stazione dei Carabinieri da due persone, rispettivamente residenti nel centro pianese e alla contigua periferia di quello caiatino.

Tratto stradale, a quanto è dato sapere, molto frequentato anche nelle ore piccole, soprattutto dei week end, da nutriti gruppi di presunti rifugiati, giovani quanto aitanti, che si dirigono a piedi verso le solite strutture ospitanti, dopo aver trascorso intere serate in determinati pubblici esercizi del comprensorio, ove peraltro, sempre vox populi, spesso si registrerebbero risse e discussioni di solito non denunciate dalle vittime, si vocifera timorose di reazioni ancor più inconsulte da parte dei benvenuti, nullafacenti energumeni, che peraltro potrebbero contare su spregiudicati informatori locali.

Tanto sembra evincersi, infatti, da quanto occorso, secondo la denuncia, nell’abitazione di un noto professionista pianese, scampata l’altra notte al raid solo grazie all’innesco di un sofisticato sistema antifurto, a quanto pare, fatto installare recentemente a difesa dell’abitazione proprio in seguito ad altri atti malavitosi messi a segno nel comprensorio dai soliti (ig)noti, costretti a un’indecorosa fuga dalle sirene, innescate proprio mentre, scavalcata la recinzione, si accingevano a scassinare l’ingresso con arnesi che, a quanto trapelato, nel concitato frangente, in parte avrebbero abbandonato sul posto e quindi ora potrebbero rappresentare un’ottima pista per gli inquirenti, soprattutto se le impronte digitali dei ricercati risultano già schedate negli archivi della Questura e della stessa Arma.

Fallito il primo colpo, è presumibile che, senza perdersi d’animo, la stessa banda si sia diretta verso il contiguo territorio caiatino ove, giusta denuncia, quasi all’alba di domenica, violato con destrezza l’ingresso, ignoti sono riusciti ad asportare un’arma regolarmente detenuta dal proprietario, appassionato cacciatore oltre che infermiere soggetto a turni operativi anche notturni evidentemente ben noti ai malviventi.

Proprio questo preoccuperebbe in modo particolare i residenti, costretti a guardarsi non solo dai (pochi) delinquenti incalliti e dai (tantissimi) nullafacenti, soprattutto  importati sotto mentite spoglie di rifugiati, ma anche da presumibili “talpe” locali di quart’ordine che, sempre vox populi, per una birra, ovvero sotto l’effetto di alcoolici, potrebbero spifferare a chiunque usi e costumi dei residenti, più o meno vicini, costringendo praticamente tutti a diffidare di tutti e le famiglie a vivere nel terrore, almeno finché, come è auspicabile, le Forze dell’Ordine riescano alla Giustizia tutti i malviventi.

(News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web© Diritti riservati all’autore)

 

Seguici su:

Teleradio News

Editor/Admin at TeleradioNews
tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935;
mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati
Seguici su:
Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

Benvenuto su TeleradioNews ♥ Mai spam o pubblicità molesta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Call Now Button
TeleradioNews

Ora puoi ricevere subito su Telegram tutte le nostre news

Seguici su Telegram Chiudi