***SANT’ANGELO IN FORMIS AGGUATO SFIORATO IN PIENO CENTRO!!!*** I tifosi della Juvecaserta tendono la trappola a quelli dell’Acea Roma usciti allo svincolo autostradale

E’ stato provvidenziale il servizio di prevenzione della Questura che ha inviato sul posto i poliziotti in tenuta antisommossa. Appena sono arrivate le auto e i blindati c’è stato il fuggi fuggi in via della Libertà. Una trentina di ultras della Juvecaserta attendevano il pullman dei tifosi romani. Il sindaco Del Gaudio: “Non sono tifosi, questi sono solo teppisti e vanno isolati…”

Grazie alla lungimiranza di chi ha organizzato il servizio di ordine pubblico, ieri è stato sventato un vero e proprio agguato ai danni di un pullman di tifosi dell’Acea Roma, provenienti dalla Capitale e uscito a Sant’Angelo in Formis direzione Palamaggiò per assistere alla partita di basket con la Pasta Reggia. Infatti, intorno alle 18, in via della Libertà, agenti della Polizia di Stato, in tenuta antisommossa, hanno evitato un assalto di ultras, pianificato ai danni dei tifosi romani, pianificato nei dettagli. Cinque le persone trattenute in stato di fermo, ma le ricerche degli altri facinorosi si sono protratte anche diverse ore dopo. Il gruppo che ha provato a tendere l’agguato era composto da una trentina di persone, ed era in “paziente” attesa del pullman della tifoseria capitolina che, diretto a Castel Morrone, avrebbe probabilmente attraversato la frazione santangiolese. Una strategia d’agguato, questa, che gli ultras non sono riusciti a realizzare in quanto la questura di Caserta, prevedendo la possibilità di eventuali assalti, ha provveduto ad inviare alcune pattuglie nei punti maggiormente a rischio e, quindi, anche a Sant’Angelo in Formis. In un’area campestre non molto distante dalla stazione ferroviaria, i poliziotti hanno intercettato alcuni tifosi che, nonostante l’alt intimato, si sono dati a precipitosa fuga, approfittando dell’oscurità notturna e della scarsa visibilità. L’intervento della polizia è stato seguito da numerosi pedoni ed automobilisti, alcuni dei quali – incuriositi dal fuggi fuggi degli ultras inseguiti dai poliziotti- sono riusciti a fare anche dei video. Cinque tifosi, in possesso di mazze da baseball e pietre, sono stati fermati e condotti in questura per il riconoscimento. Il pullman, a bordo del quale viaggiava la tifoseria ospite, in attesa dell’esito del riscontro ricognitivo effettuato dalla polizia, ha potuto raggiungere il Palamaggiò solo a partita già iniziata. Fortunatamente, grazie al sopralluogo precauzionale degli agenti, coordinati dalla questura casertana, i tifosi delle due opposte compagini – lungo tutto il tragitto percorso dal pullman fino a Castel Morrone – non sono mai venuti in contatto. E anche durante il percorso di ritorno, problemi di particolare criticità non sono stati segnalati. Intanto il sindaco di Caserta, Pio Del Gaudio, appresa la notizia del tentato agguato, ha così commentato: “””Isoliamo quelli che non sono tifosi , ma semplici teppisti. Caserta ama il basket da sempre ed il basket non e’ violenza. Prendiamo le distanze da episodi di violenza che devastano l’immagine del nostro territorio. Sono certo che anche la società condivide in pieno questo pensiero.”””

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Benvenuto su TeleradioNews ♥ Mai spam o pubblicità molesta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Call Now Button
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: