Piedimonte Matese. Ditte locali ‘travolte’ dalla ‘appaltopoli’ all’ospedale casertano

Tre gare d’appalto, cui vanno aggiunte decine e decine di affidamenti diretti.

E’ quello su cui si è focalizzato l’attenzione della Dia di Napoli che ha indagato sull’ospedale di Caserta arrestando, tra l’altro, Angelo Polverino ed consigliere provinciale Antonio Magliulo.

Nel mirino sono finite la gara d’appalto per la tinteggiatura e lavorazioni accessorie e/o affini del valore di 450.000 euro oltre IVA (ditta favorita: ditta individuale Luigi Iavarone); la gara d’appalto per l’affidamento delle manutenzioni degli immobili consistenti in lavori edili e lavori affini del valore di 150.000 euro oltre IVA (ditta favorita: Odeia Srl); la gara d’appalto per l’affidamento del servizio di gestione e manutenzione degli impianti elevatori del valore di 1.189.500 euro oltre IVA (ditta favorita Kome’ Srl); affidamenti diretti di lavori posti in essere in mancanza dei necessari requisiti di legge (si è constatata l’assoluta mancanza dei criteri di rotazione, trasparenza, pubblicità e parità di trattamento previsti dall’art. 125/8 D.Lgs. 163/06) sempre alle medesime ditte dal 2006 ad oggi, per un valore totale di oltre 3.000.000 di euro (ditte favorite: ditta individuale Luigi Iavarone, ditta individuale Salvatore Cioffi, Odeia Srl, Piccolo, Dm Soffitti Sas); l’affidamento diretto della gestione del bar e delle macchine distributrici di bevande ed alimenti, con danno erariale stimato (per il consumo di forniture pubbliche e l’occupazione del suolo pubblico) in oltre 50.000 euro dal 1 gennaio 2010 ad oggi (ditte favorite: Mario Palombi, ditta individuale,e Ivs Italia SpA di Bergamo).

I SEQUESTRI

Nel corso dell’operazione, sono state, contestualmente, sottoposte a sequestro preventivo le sottonotate ditte Odeia Srl; R.D. COSTRUZIONI Srl; IANNONE Luigi, ditta individuale; CIOFFI Salvatore, ditta individuale. Ad undici indagati, infine, è stato notificato un Decreto di sequestro preventivo che, ha riguardato, a vario titolo, nr. 18 immobili, nr. 11 terreni, nr. 1 box auto, nr. 3 autovetture, diverse quote societarie, per un valore stimato complessivo di oltre 12.000.000 di euro.

GLI ARRESTI A PIEDIMONTE MATESE

Sono stati arrestati e tradotti in carcere Orlando Cesarini, 68 anni, fratello dell’ex sindaco di Piedimonte Matese, Luigi. Insieme a lui anche Domenico Ferraiuolo, 40 anni, segretario cittadino del Pd e Gabriele D’Antonio, 46 anni, amministratore unico della Odeia srl e figlio del defunto Santolo, ex Comandante dei Carabinieri di Piedimonte Matese, deceduto quindici anni orsono.

(Comunicato Archiviato in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati