terrafuochi-marcia-2terra-fuochi-sopraventoLa terra dei fuochi è una terra infuocata, ma anche nu fuoc ‘e terr, un fuoco da terra o i fuochi di terra.

Una volta in queste zone i fuochi da terra erano quelli di artificio, che partivano appunto da terra per arrivare in cielo a celebrare le feste dei Santi.

Santi, che ora non basterebbe invocare tutte le ore di tutti i santi giorni per lavare tutto il sangue avvelenato o per tentare di salvare dalle sofferenze tutte quelle vittime, che, attenzione, non sono i morti già andati, ma sono quelli che aspettano che la morte arrivi a prenderli come topi in una trappola, perché forse non c’è niente di più brutto della morte stessa se non l’attesa che essa arrivi, certa, inesorabile ed in un tempo relativamente breve.

Morti in attesa di esserlo, proprio per il frutto di queste terre, di quella terra, che come la protagonista di un’efferata vendetta, da mamma diventa carogna ed inghiotte i suoi figli, stanca dell’incesto perpetrato ai suoi danni da quegli stessi figli che per anni l’hanno fottuta, venduta e avvelenata insieme ai loro fratelli.

Ora in quanti cartelli si esprime la rabbia.

È vero, città intere di quelle zone non devono morire e, scrivere questo, esprime tutta la nostra vicinanza, ma mi piacerebbe vedere anche dei cartelli in cui qualcuno scriva che quei morti, tutti quei morti già andati, e molti erano e sono bambini, non dovevano morire, o potevano morire non incontrando la sorte che hanno incontrato, una sorte maligna e beffarda che li ha strappati via dai loro giochi prima di portali poi via per sempre.

Ora qualcuno dice che la speranza stia nella bonifica di questi territori, bonifica che si farà anche se ci vorrà del tempo.

Ma innanzitutto quali confini hanno questi territori?

Per cui, quale bonifica sarà davvero possibile? Ed inoltre, a che prezzo?

Quale sarà o potrà essere ancora il prezzo che si dovrà pagare?

Quanto sangue ancora dovrà essere versato in questa terra per bonificarla dai veleni sversati? E a cosa servirà?

È vero sarà importante il tempo. Ma non quanto tempo ci vorrà, semmai, chissà se basterà tutto il tempo che ci vorrà?

Perché se mai ci si riuscirà, se mai si riuscirà a ridare dei frutti a questa terra, ammesso che il “pomo” torni ad essere di nuovo “d’oro”, chi lo coltiverà? e soprattutto, chi riuscirà a mangiarlo? Boh!!!

A terr re fuoc

A terr re fuoc è nu fuoc e terr,

e i muort e stu camp so pegg e chill e na guerr.

A terr re fuoc è nu fuoc che parte da terr,

ma nun’ allamp dint ‘o ciel che rire,

pecchè è na terra che chiagne, è na vit che more.

Nun’è nu fuoc r’artificio che canta a nu sant,

sta terr è nu sacrificio cercat a tutt quant.

A terr re fuoc è na terr che coce

addò l’alberi e i rami addiventn croci,

e o’ frutt e sta terr nu so chiù pummarole,

ma ca mort dint ‘o cor so na porta ‘e dulore.

A terr re fuoc nun ten speranz,

pecchè a vit nun’è vit se a mort ce penz,

e dint ‘o spital addò a cas è na stanza,

pur a vit che rest nunn’ è vita vissuta, ma è mort che avanza.

E comme quann chiov,

che o brutt nunn’ è l’acqua che è semp acqua pur quann’ è acqua che scenn,

ma o brutt è che l’acqua che scenn è acqua che nfonn,

e o fang che fa, nunn’ è brutt p’ò fang ma p’ò pere c’affonn,

accussì sta mort nun è brutt p’a mort che sarrà semp certa,

ma pecchè certo sta terr nu s’ammeritava stà ciorta!!!

(Vincenzo Minichino)

Archiviato in:Attualità

Follow us on Twitter

Condividi su:

Google+

Terra dei fuochi. Da consapevoli assassini a consapevoli vittime

Posted on ottobre 22, 2013 by

terrafuochi-marcia-2terra-fuochi-sopraventoLa terra dei fuochi è una terra infuocata, ma anche nu fuoc ‘e terr, un fuoco da terra o i fuochi di terra.

Una volta in queste zone i fuochi da terra erano quelli di artificio, che partivano appunto da terra per arrivare in cielo a celebrare le feste dei Santi.

Santi, che ora non basterebbe invocare tutte le ore di tutti i santi giorni per lavare tutto il sangue avvelenato o per tentare di salvare dalle sofferenze tutte quelle vittime, che, attenzione, non sono i morti già andati, ma sono quelli che aspettano che la morte arrivi a prenderli come topi in una trappola, perché forse non c’è niente di più brutto della morte stessa se non l’attesa che essa arrivi, certa, inesorabile ed in un tempo relativamente breve.

Morti in attesa di esserlo, proprio per il frutto di queste terre, di quella terra, che come la protagonista di un’efferata vendetta, da mamma diventa carogna ed inghiotte i suoi figli, stanca dell’incesto perpetrato ai suoi danni da quegli stessi figli che per anni l’hanno fottuta, venduta e avvelenata insieme ai loro fratelli.

Ora in quanti cartelli si esprime la rabbia.

È vero, città intere di quelle zone non devono morire e, scrivere questo, esprime tutta la nostra vicinanza, ma mi piacerebbe vedere anche dei cartelli in cui qualcuno scriva che quei morti, tutti quei morti già andati, e molti erano e sono bambini, non dovevano morire, o potevano morire non incontrando la sorte che hanno incontrato, una sorte maligna e beffarda che li ha strappati via dai loro giochi prima di portali poi via per sempre.

Ora qualcuno dice che la speranza stia nella bonifica di questi territori, bonifica che si farà anche se ci vorrà del tempo.

Ma innanzitutto quali confini hanno questi territori?

Per cui, quale bonifica sarà davvero possibile? Ed inoltre, a che prezzo?

Quale sarà o potrà essere ancora il prezzo che si dovrà pagare?

Quanto sangue ancora dovrà essere versato in questa terra per bonificarla dai veleni sversati? E a cosa servirà?

È vero sarà importante il tempo. Ma non quanto tempo ci vorrà, semmai, chissà se basterà tutto il tempo che ci vorrà?

Perché se mai ci si riuscirà, se mai si riuscirà a ridare dei frutti a questa terra, ammesso che il “pomo” torni ad essere di nuovo “d’oro”, chi lo coltiverà? e soprattutto, chi riuscirà a mangiarlo? Boh!!!

A terr re fuoc

A terr re fuoc è nu fuoc e terr,

e i muort e stu camp so pegg e chill e na guerr.

A terr re fuoc è nu fuoc che parte da terr,

ma nun’ allamp dint ‘o ciel che rire,

pecchè è na terra che chiagne, è na vit che more.

Nun’è nu fuoc r’artificio che canta a nu sant,

sta terr è nu sacrificio cercat a tutt quant.

A terr re fuoc è na terr che coce

addò l’alberi e i rami addiventn croci,

e o’ frutt e sta terr nu so chiù pummarole,

ma ca mort dint ‘o cor so na porta ‘e dulore.

A terr re fuoc nun ten speranz,

pecchè a vit nun’è vit se a mort ce penz,

e dint ‘o spital addò a cas è na stanza,

pur a vit che rest nunn’ è vita vissuta, ma è mort che avanza.

E comme quann chiov,

che o brutt nunn’ è l’acqua che è semp acqua pur quann’ è acqua che scenn,

ma o brutt è che l’acqua che scenn è acqua che nfonn,

e o fang che fa, nunn’ è brutt p’ò fang ma p’ò pere c’affonn,

accussì sta mort nun è brutt p’a mort che sarrà semp certa,

ma pecchè certo sta terr nu s’ammeritava stà ciorta!!!

(Vincenzo Minichino)

Archiviato in:Attualità

Follow us on Twitter

Aggiungi un commento, grazie!



© 2013 teleradio-news ♥ non solo notizie da caiazzo & dintorni copyright © Tutti i diritti riservati © All Rights Reserved ♥ Sviluppato da PSD to Wordpress ♥ Disegnato da Wordpress Theme Designer ♥ Realizzato da WordPress & Web Design Company per ♥ TeleradioNews [ Vai all'inizio della pagina ] 71 queries, 1,797 seconds.